TENDENZZA CAPELLI 2019

Surclassata da quella vaporosa di Brigitte Bardot nei ’60, quella lunga e e bohemienne a sfiorare le ciglia di Jane Birkin nei ’70, è tornata a fare capolino nei ’90. Ma, escluse alcune amanti del punk e del grunge, non sono state in molte a fare della frangia nella sua versione più corta, estrema e destrutturata, un dettaglio di stile molto comune. Questo perché, oggettivamente, non è per tutte: la micro o mini bang è minimale e coraggiosa, appunto, per definizione. Un bel mix di grinta, consapevolezza, self confidence e un pizzico di incoscienza è ciò che serve per osare quello che sembra essere il nuovo accessorio beauty più alla moda del momento. Screenshot_20190118-185545_Samsung Internetjpg

La frangetta è ovunque, ma soprattutto, sulle ragazze più in vista: su Gigi Hadid per la prima volta in passerella Prada e sui cartelloni pubblicitari. Sulla nuova testimonial Miu Miu, che ne sfoggia una micro, rock, nonostante il cerchietto gioiello: Lourdes Maria Ciccone, figlia di Madonna. A proposito di figlie d’arte, l’ha indossata, posticcia, anche Kaia Gerber, sempre per Miu Miu, ma in passerella. E si è prestata anche Irina Shayk, per la campagna Dsquared2 PE 19.


La storia vuole che la prima, vera, micro frangia fu sfoggiata da Cleopatra, la regina più stilosa di tutte le epoche. Ma a consacrarla sono state due coraggiose icone dei Fifties: Audrey Hepburn, che, audace, se la fa tagliare davvero sul set di Vacanze Romane nel ’53 e una “certa”, più disinvolta, Bettie Page, che, negli stessi anni, riuscì a farsi notare fra le Pin-up dell’epoca grazie a un colpo di forbici, una frangetta nero corvina, dritta, piena e tondeggiante, a distinguerla da tutte le altre.

Moda e cinema hanno mostrato poi mille modi di reintepretarla: dalle versioni glamour che fecero la fortuna di Linda Evangelista nei ’90 ad Audrey Tatou ne Il favoloso mondo di Amélie passando per Natalie Portman in Closer e Rooney Maranei panni della hacker punk Lisbeth Salander della saga Millennium.

Perché da infantile e bon ton a dichiaratamente provocatoria, grintosa e ribelle è tutta questione di millimetri e pienezza. «Mentre di solito la frangia è una sorta di “coperta di sicurezza”, tagliarla corta sopra il sopracciglio può avere l’effetto opposto: accende di colpo i riflettori sul volto» dice la hairstylist Nikki Lee del salone Nine Zero One di Los Angeles dove è passata Emma Roberts. «Pone tutta l’attenzione sulla fronte, che non dovrebbe mai esere troppo alta, sugli zigomi e sul naso. Ecco perché sta bene a chi ha un volto ovale e lineamenti delicati»

ANTICADUTA CAPELLI: I RIMEDI ESISTONO


Con l’arrivo di Settembre si apre la stagione della CADUTA DEI CAPELLI che porta preoccupazioni a molte persone.

La caduta dei capelli è un fenomeno fisiologico, che coinvolge ogni momento dell’anno: essi, come anche le cellule del nostro corpo, hanno bisogno di essere ricambiate e rigenerate. La vita media di un capello si aggira tra i 3 e i 7 anni e al momento della caduta, vi è già un nuovo capello sotto ad esso pronto a crescere.

Le 3 fasi del ciclo vitale del capello

anticaduta capelli

  • Anagen: periodo di crescita dove il capello si allunga e forma tutte le sue strutture.
  • Catagen: il capello smette di crescere poiché le attività cellulari rallentano, preparandolo quindi alla futura caduta.
  • Telogen: il capello inizia ad essere meno ancorato al follicolo pilifero ed è pronto a cadere.

In media perdiamo dai 50 ai 100 capelli al giorno; la caduta dei capelli diventa più preoccupante quando si comincia a notare che sul cuscino, nella vasca o nel lavandino si trovano ciocche consistenti di capelli.
Un’altra considerazione importante da sapere sulla caduta dei capelli è che questa colpisce maggiormente l’uomo per un fattore genetico. Il testosterone infatti, innesca una particolare reazione che induce il capello in fase ANAGEN (crescita) ad arrestare i processi di sviluppo cellulare, portandolo precocemente alla fase CATAGEN (rallentamento).
Il diradamento inizia generalmente sulla parte frontale e sul vertice del capo per una semplice questione anatomica: in queste zone la muscolatura non è presente, la cute è meno vascolarizzata e il nutrimento raggiunge il capello in maniera meno diretta e importante.

In questi casi si può prevenire la caduta dei capelli utilizzando prodotti anticaduta capelli, idonei ed efficaci.

Come utilizzare lo shampoo Anticaduta per Rafforzare i capelli:

  • E’ consigliabile utilizzare i prodotti anticaduta di un solo marchio e della stessa linea; i principi attivi inseriti in una linea anticaduta sono stati creati insieme per favorire i benefici l’uno dell’altro.
  • Il primo prodotto da utilizzare è uno shampoo rinforzante che contiene principi attivi e altri ingredienti, come la caffeina, che stimola e irrobustisce la base del capello inspessendolo e rendendolo più forte.
  • Per un ottimo risultato applicate lo shampoo massaggiandolo con i polpastrelli e lasciandolo in posa almeno 5 minuti in modo che i principi attivi contenuti nello shampoo penetrino in profondità e svolgano al meglio la loro azione.

Come funzionano le Fiale Anticaduta capelli?

Le fiale contribuiscono a ristabilire l’equilibrio cutaneo purificandolo, favorendo la circolazione sanguigna della cute che combatte l’invecchiamento del capello stimolandone la ricrescita naturale.

Come applicare le Fiale Anticaduta?



Come applicare le Fiale Anticaduta?

Dopo avere pulito la cute con lo shampoo, tampona l’eccesso d’acqua con un asciugamano.

caduta capelli

Crea delle separazioni tra i capelli per facilitarti l’applicazione della fiala:

a. Una riga centrale

b. due righe laterali

c. Una riga sul vertice della testa

d. Una riga dietro la testa da orecchio ad orecchio

 

  • Su queste separazioni applica la fiala sulla cute e con una leggera pressione massaggia con il palmo della mano per un paio di secondi. Prosegui così su tutte le separazioni, soprattutto nei punti dove i capelli tendono ad essere più radi.
  • Utilizza tutta la fiala poi appoggia i polpastrelli sulla parte delle tempie e massaggia la cute creando ampi cerchi, sposta poi le mani più in alto fin sulla calotta della testa e ripeti i movimenti circolari, continua così sulla parte posteriore della testa per qualche minuto, ovviamente più durerà il massaggio più il prodotto penetrerà in profondità grazie all’attivazione della circolazione sanguigna sollecitata dal massaggio.
  • Sentirai una leggera sensazione di fresco su tutta la cute segno dell’aumento dell’attività circolatoria che con il passare dell’assorbimento della fiala svanirà pian piano.
  • La fiala non va sciacquata e va applicata la sera prima di andare a dormire, cosi che durante la notte possa agire al meglio.
  • Per migliori risultati è necessario utilizzare delle argille detossinanti che vadano a liberare totalmente il follicolo pilifero, in modo che il prodotto anticaduta possa penetrare il più possibile e più profondità.

Doppie punte e capelli danneggiati: cause e rimedi .

Le doppie punte, inestetismo conosciuto anche come tricoptilosi, sono alterazioni strutturali del capello. Con il tempo, la cuticola che avvolge il fusto capillifero si sfalda causando un  deterioramento del capello stesso. Quest’ultimo si presenterà con la parte terminale biforcuta  che  conferirà all’intera chioma un aspetto sfibrato, opaco, secco e fragile. Ma quali sono le cause?
  • Messa in piega: il calore eccessivo è una delle prime cause che possono compromettere l’integrità del fusto capillifero. Quando si utilizza phon, ferro arricciacapelli o piastra impostate una temperatura medio-bassa. E’ bene evitare l’uso quotidiano della piastra e
    del ferro arricciacapelli poichè favoriscono la formazione delle doppie punte. Inoltre, l’uso esagerato e troppo vigoroso della spazzola sfibra il capello deteriorandolo ulteriormente.
  • Con Lavaggi frequenti: lavare spesso la chioma, soprattutto con prodotti scadenti, mette a dura prova l’integrità del capello promuovendo la formazione delle doppie punte.
  • Cloro e salsedine: entrambi sono nemici per la salute dei nostri capelli. Dopo un bel bagno in piscina o al mare risciacquate i capelli così da ridurre l’assorbimento di queste sostanze.
  •   Trattamenti chimici: come  Colorazioni, decolorazioni, permanenti e colpi di sole                                     compromettono seriamente la salute dei nostri capelli .  specialmente se fatti con fai da te e senza avere la dovuta conoscenza dei prodotti che si  usano.
  •   Se le doppie punte tormentano i vostri capelli a tal punto da rendere l’intera chioma sfibrata e    opaca è inutile dire che il miglior rimedio è senza dubbio...la spuntatina!
  •   Ma quando le doppie punte sono tante e' necessario fare anche u n taglio più  drastico.
  •    Ma se adottiamo  piccoli accorgimenti possiamo evitare di tagliarli. 
  •   FARE trattamenti come acido ialuronico
  •   che va a riempire la struttura dei capelli rendendoli più folti, idratati e lucenti.
  • Trattarli anche con trattamenti a base keratinica che è la proteina base dei capelli, 
  • questi favoriscono una ricostruzione delle alfe eliche dei capelli.
  •  E sara' buona abitudine fare una spuntata una volta al mese per far si che le punte                    rimangano integre.
 
PER INFORMAZIONI E CONSIGLI NON ESITATE A CONTATTARCI :
EMAIL alessssandro.salsano@libero.it   
O CHIAMACI I SEGUENTI NUMERI:
TEL 0899954859 
CEL 3737608069.
 
 

CONSIGLI PER CURARE I CAPELLI IN ESTATE.

L'estate può mettere a dura prova anche i capelli più forti, soprattutto se sono lunghi, colorati e secchi per costituzione. Ci sono, tuttavia, alcuni imperativi ipotetici - per dirla con Kant - ai quali obbedire se non si vuole incorrere in un bel taglio netto al ritorno dalle vacanze. Ecco il decalogo delle cose da fare e non fare in estate nella cura dei capelli.

Usa uno spray solare protettivo per capelli

Portalo in spiaggia per avere capelli sempre in ordine e protetti da sole, vento e salsedine, principali cause della secchezza estiva. Sceglilo in base alla "doppiezza" dei tuoi capelli: più sono grossi più richiederanno l'olio. Viceversa dei capelli sottili che invece preferiscono i latti solari o le soluzioni bifasiche che si agitano e si spruzzano. Se vivi in zone molto soleggiate, usa lo spray solare anche in città.

Sciacqua sempre i capelli dopo ogni bagno in mare

Sciacquare i capelli con acqua dolce dopo ogni bagno è un passaggio indispensabile per togliere dalla fibra capillare l'inaridente salsedine del mare o il cloro delle piscine. A casa utilizza shampoo specifici solari che eliminino ogni residuo senza sfregare: di solito apportano idratazione senza ungere. Per questo motivo possono essere usati tutti i giorni con una sola applicazione.

Scegli uno shampoo addolcente e con filtri solari

Per la detersione, utilizza uno shampoo appositamente studiato, con filtri solari di ultima generazione che proteggano dai raggi UVA e UVB, permettendo di reidratare il capello in profondità e di proteggerlo durante l’esposizione al sole del giorno dopo.

 Lascia asciugare i capelli naturalmente

Un vero toccasana per la tua chioma? Lasciare asciugare i capelli naturalmente, en plein air!  Una tattica davvero consigliata in quanto non li stressa e per i capelli mossi il crespo sarà esponenzialmente diminuito e i boccoli nettamente più definiti. Inoltre, fa caldo per rinchiudersi in bagno con il phon, non credi?

Se hai i capelli colorati, usa uno shampoo apposito

Se hai di già i capelli tinti, munisciti di uno shampoo in grado di prolungare e sublimare perfettamente la brillantezza del colore per evitare che sbiadisca o scarichi troppo, soprattutto d'estate.

Indossa un cappello quando passeggi in riva al mare

Sembrerà una banalità, ma indossare una bandana o un cappello in spiaggia, scherma i capelli dai raggi UV: a fine estate te li troverai decisamente meno rovinati!
 



CONTOURING CAPELLI: Che cos'e' e come si fa.

Contouring capelli: che cos’è e come si fa.

E'una tecnica per la colorazione dei capelli che illumini i capelli in alcuni punti e crei delle zone d’ombra in altre per andare a valorizzare al massimo i lineamenti del viso e il taglio dei capelli.

Per questo motivo è importante, come anche per la tecnica del contouring make-up, capire che tipologia di viso abbiamo.


Per facilitare il lavoro sono state individuate le forme più ricorrenti di viso, in modo da capire dove andare a schiarire o dove andare a scurire i capelli.

Viso triangolare: fronte stretta con il viso che si allarga a livello delle tempie e termina con una mascella pronunciata.

Viso a diamante: fronte e tempie sono stretti, occhi vicini, zigomi alti e pronunciati. Il viso si allarga nella linea mascellare che è molto marcata. Il viso termina con un mento appuntito.

Viso rettangolare: il viso si sviluppa in verticale, con una larghezza costante dalle tempie alla linea della mascella. Il viso è stretto, piatto e privo di volumi, la linea mandibolare evidente.

Viso rotondo: zigomi poco sporgenti, guance morbide, fronte bassa, mento piccolo e a volte sfuggente. Le proporzioni sono armoniche, gli spigoli smussati e la mascella poco evidenziata.

Viso quadrato: fronte ampia, linea mandibolare l
arga e pronunciata, mascella importante, squadrata e allineata con zigomi e tempie. I lineamenti sono marcati e quasi geometrici.

Viso a cuore: la fronte è bassa e ampia, le tempie distanti, gli zigomi larghi e pronunciati, il mento a punta e la mandibola stretta. Gli occhi spesso sono ravvicinati.

Dopo aver capito che tipologia di viso abbiamo, si può andare a lavorare con il colore per bilanciare e armonizzare le proporzioni del viso.

Un viso rotondo, ad esempio, richiede che venga date luce sulla parte superiore della testa, mentre che vengano scuriti i lati della testa per smussare e allungare il viso. 

Un viso triangolare invece, ha bisogno invece di illuminare i lati del viso e scurire quelli agli estremi per smussare le spigolosità.

 

wella_schema-contouring

Per capire come lavorare al meglio con le tinte dei capelli, si suddivide la chioma idealmente in tre zone, dove vengono evidenziate le colorazioni chiare (OUT) e quelle scure (IN) da posizionare nei punti focali del viso in base alla propria morfologia. Può essere utile questo schemino che evidenzia dove andare ad illuminare i capelli e dove andare a lavorare con nuances e toni più scuri.

DESIDERI SAPERE QUALE CONTOURING FA PER IL TUO VISO? NON ESITARE A CONTTATARCI TRAMITE EMAIL alessandro.salsano@libero.it  O CHIAMA I SEGUENTI NUMERI: 089/9954859 CEL: 3737608069